Outfit è il nome del mio blog. In questo spazio si parlerà soprattutto di come parlare dal punto di vista della correttezza del messaggio, degli obiettivi, dell’immagine che si vuole comunicare, della promozione della propria attività e del raggiungimento dei traguardi.

Ti racconterò inoltre dei lavori che ho svolto e che svolgerò, di alcuni aspetti che possono essere interessanti o ritornare utili anche a te, e mi permetterò di fare qualche bella e qualche brutta riflessione sulla vita da freelance.

 

Scafès: tradizione e innovazione nelle più famose calzature della Carnia

Le origini delle Scafès affondano nei secoli, in quella nebbia di antichi saperi tramandati di generazione in generazione, di famiglia in famiglia, di paese in paese, senza però alcun punto fermo per gli storici. Le prime testimonianze scritte della produzione delle Scafès in Carnia (l’area montana del Friuli, che comprende le Alpi Carniche e le Alpi Giulie) risalgono infatti “solo” al XIX secolo. Con ogni probabilità però le Scafès venivano realizzate già da secoli e, già da secoli si erano sviluppate le specifiche caratteristiche di queste calzature.   Cosa sono le Scafès? Le Scafès sono pantofole, le tradizionali calzature da casa delle famiglie friulane. Un tempo venivano realizzata manualmente in casa dalle donne per tutti i membri della famiglia utilizzando (o, più spesso, riutilizzando scampoli e vecchi tessuti). Le Scafès sono dunque una “calzatura povera”, che però oggi porta con sé grandissime tradizioni. Si possono infatti incontrare Scafès di forme, tessuti, lavorazioni e decori differenti: ciascuno era caratteristico di una specifica valle o di un paese, o tramandava, come uno scudo araldico, simboli e tradizioni di famiglia. Come sono fatte le Scafès? Le Scafès (chiamate anche “scarpets” o, semplicemente, “friulane”) venivano realizzate con scampoli di tessuto (soprattutto velluto e tela) […]

 

Done vs Perfect

Sei un tipo che per la volontà di fare le cose perfette (o la paura di non farle perfette), alla fine, rimanda sempre e non le conclude mai? Anch’io ero così.

 

Chiuso per ferie

Chiuso per ferie! Sembra un messaggio facile, ma può nascondere insidie. Il punto di vista prevalente è sempre quello del cliente finale. Ecco come fare.

Francesca
//